Venerdì 17 dicembre l’operetta apre la stagione lirica invernale al Filarmonico di Verona. Regista e coreografo è Gino Landi, con l’allestimento di Fondazione Arena che ha debuttato al Filarmonico nel 2005. Marisa Laurito è Njegus, alle prese con le furberie del ruolo e le trovate più esilaranti – Per 7 recite, dal 17 al 31 dicembre, torna al Teatro Filarmonico di Verona La vedova allegra, l’operetta in tre atti di Franz Lehár che darà il via alla Stagione lirica 2017-2018 nella città scaligera. L’allestimento della Fondazione Arena di Verona, che ha debuttato al Filarmonico nel febbraio 2005, poi ripresa nel 2014, porta la

Il capolavoro di Umberto Giordano torna alla Scala, ma nell’anfiteatro di Verona manca dal 1986. In Arena il poeta idealista ha avuto cinque diversi allestimenti. Dalla solenne maestosità di Ettore Fagiuoli (1924,1934) allo sfarzo di Attilio Colonnello (1967-1986). Celebri le interpretazioni di Maria Caniglia, Montserrat Caballé e Renato Bruson – Dal 7 dicembre all’inizio di gennaio gli occhi di tutto il mondo lirico sono puntati sull’opera inaugurale del Teatro alla Scala. Quest’anno il Direttore Musicale Riccardo Chailly ha optato per Andrea Chénier, affidandone la regia a Mario Martone e i tre ruoli principali a Yusif Eyvazov (il poeta idealista Andrea Cheniér),

INTERVISTA – Dall’esordio areniano del 1973 al debutto cinematografico, dai personaggi chiave agli incontri con i massimi direttori del Novecento: il grande soprano si racconta – Una voce angelica e una volontà di ferro. Sono le due doti che hanno trasformato il soprano rodigino Katia Ricciarelli in una delle stelle della lirica più amate del Novecento. Grintosa e gentilissima, la signora ci ha accolto nella sua casa di Bardolino (in compagnia dell’inseparabile cagnolina Dorothy) per un’intervista sulla sua storia, spesso intrecciatasi con quella dell’Arena (dove nel 1999 ha festeggiato i trent’anni di carriera con un concerto di gala). “Anche se

«Verona, un palcoscenico che ha creduto in me. Aida icona del sacrificio. Interpretare Desdemona è il sogno della mia vita artistica» – L’Aida avveniristica di Francesco Micheli tornata dal 12 al 22 novembre, dopo 16 anni, al Comunale di Bologna è un’Aida – come spiega il regista – «esteriormente contemporanea ma negli intenti soprattutto narrativa, simbolica, metaforica e fiduciosa nel potere del mezzo tecnologico che s’intreccia con rinnovata fedeltà all’invenzione verdiana il cui orientalismo ebbe come cornice alcuni eventi del secondo Ottocento rivoluzionari, modernissimi e iper-tecnologici a loro volta, come l’apertura del Canale di Suez». Nel cast Monica Zanettin ha

INTERVISTA – Il Maestro dirige il Don Giovanni alla Fenice di Venezia. Dal barocco al Jazz e ritorno. Trent’anni di musica antica. La luna sopra l’Arena e il sogno di dirigere Elettra – Dal 13 al 26 ottobre 2017 è in scena al Teatro La Fenice l’edizione 2010 del Don Giovanni, pluripremiata di Opera Awards (ben cinque: per regia, Damiano Michieletto; scene, Paolo Fantin; costumi, Carla Teti; per il ruolo di Leporello ad Alex Esposito, e per l’intero allestimento) che insieme a Le nozze di figaro e Così fan tutte faceva parte di una trilogia poi ripresa nel 2013, mentre oggi viene riproposto solo

Il primo teatrino in legno all’interno dell’anfiteatro di Verona fu costruito nel 1713 per rappresentare Merope, una tragedia di Scipione Maffei – Uno dei punti d’interesse della mostra Maria Callas in scena – Gli anni alla Scala (allestita presso il Museo Teatrale alla Scala sino al 31 gennaio 2018 – video) risiede nel collegamento artistico fra Maria Callas e l’attrice Eleonora Duse. Infatti, sotto la guida del regista Luchino Visconti, il soprano assunse la diva (insieme alla rivale francese Sarah Bernhardt) quale modello di portamento, gestualità e recitazione, guadagnandosi così l’appellativo di “Duse della lirica”. Eppure forse oggi non avremmo

Fondazione Arena, dal 17 dicembre 2017 al 27 maggio 2018, propone un programma con 6 titoli e 27 rappresentazioni. All’operetta di Franz Lehár seguiranno Manon Lescaut di Puccini, Le nozze di Figaro di Mozart, Anna Bolena di Donizetti, Salome di Strauss e Otello in collaborazione con La Fenice di Venezia – Dal 17 dicembre 2017 al 27 maggio 2018, Fondazione Arena propone per il Teatro Filarmonico un programma con 6 titoli presentati oggi in conferenza stampa dal Sovrintendente Giuliano Polo. La Vedova allegra. Dal 17 dicembre, sarà proposta per sette recite La vedova allegra di Franz Lehár, operetta frizzante presentata nell’allestimento di Fondazione Arena con regia di Gino

Costumista e make-up designer napoletana, De Vincentiis viene scoperta dal regista Gianfranco De Bosio che nel 1984 le affida la realizzazione dei costumi per la nuova produzione di Aida all’Arena di Verona – Nata a Napoli nel 1957, dove si è diplomata in Scenografia all’Accademia di Belle Arti nel 1978, Zaira de Vincentiis è costumista e make-up designer. Ha debuttato con i suoi costumi all’Arena di Verona nel 1984, sotto l’ala di Gianfranco De Bosio per la messa in scena di Aida; ha lavorato con i registi Roberto De Simone, Andrej Končalovskij e molti altri nei più importanti teatri italiani ed europei;

La paura in Arena è generata dalla grandezza dell’anfiteatro e dalla vastità del palcoscenico con cui gli artisti devono fare i conti. «In un teatro all’aperto l’imprevisto è più facile e va gestito con nervi saldi» spiega il Maestro Fabio Fapanni che racconta alcuni episodi – L’ansia da palcoscenico riguarda quei lavoratori che devono sostenere lo sguardo di un pubblico vasto, critico, talvolta impietoso e fare i conti col giudizio. Esistono luoghi che spaventano più di altri e l’Arena, per i cantanti lirici, è sicuramente uno di questi. Palcoscenico leggendario, punto di arrivo nella carriera di grandi artisti, splendida e

Dal 1974 (La Valkiria) al 2009 (L’affare Makropulos). I suoi collaboratori. Prima della Scala nel 1970 all’Arena di Verona con

Sono 15 i titoli delle Opere che andranno in scena dal 7 dicembre 2017 al 25 novembre 2018, prolungando la

Nel nuovo allestimento di Hugo De Ana, torna il 28 settembre, dopo trentasette anni, il primo grand opéra verdiano, nell’edizione

Jérusalem, La Traviata, Stiffelio, Falstaff, Messa da Requiem sono i principali titoli che compongono il cartellone del Festival Verdi 2017, a Parma e Busseto, dal

Da sabato 2 settembre la Fenice propone la quarta delle cinque farse composte dal ventenne Rossini per il teatro veneziano

Madama Butterfly è in scena al Teatro La Fenice di Venezia, con la regia di Àlex Rigola e costumi di Mariko