La Bohème, Giacomo Puccini (sinopsi)
9 Gennaio 2019
redazione (376 articles)
Share

La Bohème, Giacomo Puccini (sinopsi)

La Bohème è un’opera in quattro quadri di Giacomo Puccini, su libretto di Luigi IllicaGiuseppe Giacosa, tratta dal romanzo d’appendice Scènes de la vie de bohème di Henri Murger. La prima rappresentazione fu al Teatro Regio di Torino l’1 Febbraio 1896, con la direzione del Maestro Arturo Toscanini.

Personaggi
Mimì, (soprano)
Musetta, (soprano)
Rodolfo, poeta (tenore)
Marcello, pittore (baritono)
Schaunard, musicista (baritono)
Colline, filosofo (basso)
Benoît, il padrone di casa (basso)
Parpignol, venditore ambulante (tenore)
Alcindoro, consigliere di stato (basso)
Sergente dei doganieri (basso)
Doganiere (basso)
Studenti, sartine, borghesi, bottegai e bottegaie, venditori ambulanti , soldati, camerieri da caffè, ragazzi e ragazze (coro)

Quadro I
Nei quartieri latini di Parigi, la Vigilia di Natale del 1830, il poeta Rodolfo e il suo amico pittore Marcello si scaldano davanti a un caminetto, bruciando il manoscritto di Rodolfo in assenza della legna. A loro si uniscono il filosofo Colline e il musicista Schaunard, che arriva dando la notizia di aver guadagnato qualche soldo. Gli iniziali festeggiamenti sono interrotti dall’arrivo del padrone di casa Benoît, che reclama l’affitto. Con uno stratagemma però, i quattro riescono ad allontanarlo. Tutti si dirigono al caffè Modus, tranne Rodolfo, che si attarda a scrivere un articolo. Alla porta bussa Mimì, la vicina di casa, in cerca di una candela. Mimì entra, ma si sente male: è il primo sintomo della tubercolosi. Rodolfo le offre un bicchiere di vino, ma quando Mimì si alza per andarsene, si accorge di aver perso la chiave della sua stanza. Entrambi si inginocchiano per cercarla e i lumi si spengono. Rodolfo trova la chiave, ma la nasconde in tasca per passare altro tempo con la giovane. I due si raccontano le loro storie, la ragazza dice di essere una ricamatrice di fiori e di vivere da sola. Dalla scala, gli amici chiamano Rodolfo, che convince Mimì ad unirsi a loro. I due si baciano e si avviano mano nella mano.

Quadro II
Al caffè Momus Rodolfo presenta Mimì agli amici. Arriva Musetta, un vecchio amore di Marcello, che lei ha lasciato per nuove avventure, accompagnata dal ricco e vecchio Alcindoro. Musetta fa di tutto per attirare l’attenzione di Marcello, e alla fine i due scappano con gli amici, unendosi alla folla che segue la banda militare e lasciando il conto da pagare ad Alcindoro, il quale al suo ritorno, si accascia su una sedia.

Quadro III
È arrivato febbraio e la barriera d’Enfer è ricoperta dalla neve. Le due coppie di innamorati hanno scoperto che la convivenza è impossibile per i continui litigi. Mimì arriva alla nuova casa di Marcello e Musetta, e incontrandosi con il pittore gli confessa di non sopportare la gelosia di Rodolfo. Da una taverna esce proprio Rodolfo, Mimì si nasconde tra gli alberi per ascoltare il discorso dei due amici. All’inizio il poeta accusa l’amata di essere infedele, poi rivela i suoi veri motivi: ha scoperto la malattia di Mimì e teme che la vita in soffitta peggiorerebbe le sue condizioni. La ragazza viene scoperta per la sua tosse e le sue lacrime. I due amanti si abbracciano e decidono di rinviare l’addio in primavera. Intanto nella taverna avviene un altro litigio tra Musetta e Marcello.

Quadro IV
Separati da Mimì e Musetta, Rodolfo e Marcello si confessano le proprie pene amorose. Arrivano Colline e Schaunard con una cena misera, e cercano di tirare su il morale. Arriva Musetta, che ha incontrato Mimì sofferente sulle scale, che ha pregato di essere portata da Rodolfo. Tutti decidono di andare a vendere qualcosa per comprare lei delle medicine. Nella soffitta, Mimì e Rodolfo ricordano i giorni del loro amore, e si spegne dolcemente, come assopendosi, circondata dal calore degli amici e di Rodolfo. Il primo ad accorgersi della morte è Schaunard, che lo confessa a Marcello. Rodolfo, una volta accortosene, piange disperato ripetendo il nome dell’amata e abbracciandola.

redazione

redazione

Comments

No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.