30 settembre 2018
redazione (319 articles)
Share

Attila chiude il Festival Verdi nel segno di una natura misteriosa e protagonista

Il titolo verdiano chiude il programma del Festival Verdi 2018 al Teatro Regio. L’allestimento è firmato Andrea De Rosa: «Un profondo senso del sacro, inteso come ordine armonico delle cose, si ritrova in tutta l’opera di Verdi» —

Attila, quarto titolo del Festival Verdi 2018, debutta al Teatro Regio di Parma domenica 30 settembre 2018 alle ore 17.00 (repliche 6, 13, 21 ottobre), nel nuovo allestimento dell’opera firmato da Andrea De Rosa, con i costumi di Alessandro Lai e le luci di Pasquale Mari, realizzato in coproduzione con State Opera Plovdiv – Città Capitale della Cultura Europea 2019. Gianluigi Gelmetti, sul podio della Filarmonica Arturo Toscanini e del Coro del Teatro Regio di Parma preparato da Martino Faggiani, dirige l’opera nell’edizione critica a cura di Helen M. Greenwald.

«Mi sembra che un profondo senso del sacro, inteso come ordine armonico delle cose, si ritrovi in tutta l’opera di Verdi – racconta Andrea De Rosa —. La ferocia degli uomini, che fin dal prologo viene messa a tema dell’Attila, è uno degli elementi di maggior disturbo di quest’ordine. Ma il rapporto con il sacro, con il senso del mistero, vive soprattutto di sogni, di apparizioni. Odabella prima e Attila poi sono scossi da visioni di fantasmi così vivide che si confondono con la realtà — continua De Rosa—. Lontano dall’intendere questi eventi come ingenuità superstiziosa, mi sembra invece che Verdi ci inviti ad intenderli come potenza ignota e misteriosa, come segni di una natura che diventa protagonista a tutti gli effetti».

Attila, Festival Verdi 2018 (photo Teatro Regio di Parma)

Attila, Festival Verdi 2018 (photo Teatro Regio di Parma)

Dopo il successo di Ernani al Teatro La Fenice di Venezia, l’impresario Alessandro Lanari commissiona a Verdi un nuovo titolo per il Carnevale del 1846. La scelta cade sul dramma Attila, König der Hunnen di Zacharias Werner e la stesura del libretto è affidata a Temistocle Solera, anche se a terminarlo sarà Francesco Maria Piave, dato che Solera abbandona il lavoro per seguire la moglie all’estero. Attila va in scena per la prima volta alla Fenice il 17 marzo 1846, con un buon successo di pubblico. In occasione del Festival Verdi 2018, torna sul palcoscenico del Teatro Regio di Parma dopo vent’anni dall’ultima messinscena.

Il cast vede protagonisti Riccardo Zanellato nel ruolo di Attila, Maria José Siri in quello di Odabella e Vladimir Stoyanov in quello di Ezio. Francesco Demuro è Foresto, Paolo Battaglia Leone, mentre Saverio Fiore interpreta Uldino. Nella recita del 21 ottobre Attila è interpretato da Michele Pertusi.

Foto in alto: Attila, Festival Verdi 2018 (photo Teatro Regio di Parma).

redazione

redazione

Comments

No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.