4 luglio 2018
redazione (289 articles)
Share

Il ritorno de Il Pirata di Bellini, prima opera Romantica italiana

Dopo Rossini e Donizetti, il nuovo corso belcantista del Teatro tocca Vincenzo Bellini con una nuova produzione dell’opera in scena dal 29 giugno al 19 luglio. Protagonisti Sonya Yoncheva, Piero Pretti e Nicola Alaimo, diretti da Riccardo Frizza —

Dal 29 giugno al 19 luglio Il pirata di Vincenzo Bellini va in scena al Teatro alla Scala, con la direzione di Riccardo Frizza e la regia di Emilio Sagi. L’opera, melodramma in due atti su libretto di Felice Romani, rappresenta una nuova tappa del processo di valorizzazione dei grandi titoli del Belcanto che negli ultimi anni ha visto riproporre importanti lavori di Gioachino Rossini e Gaetano Donizetti. L’ultima opera belliniana andata in scena alla Scala è stata una ripresa di Beatrice di Tenda agli Arcimboldi nel 2004, mentre Il pirata vi manca dall’edizione diretta da Antonino Votto nel 1958.

2018-06-27, La Scala, Il Pirata (photo Brescia, Amisano)

2018-06-27, La Scala, Il Pirata (photo Brescia, Amisano)

Il pirata segna una svolta nella carriera di Vincenzo Bellini: è il suo debutto alla Scala, dove l’opera fortemente voluta da Domenico Barbaja vede la luce il 27 ottobre 1827. È la sua prima collaborazione con Felice Romani e il suo maggior successo fino a quel momento. Segna però una svolta anche nella storia dell’opera italiana: l’eroe byroniano che supera il carattere del tenore amoroso per indossare i panni del ribelle libertario e l’eroina trascinata nella follia dal conflitto tra passione e dovere politico-coniugale aprono anche nel Paese del belcanto rossiniano la stagione del Romanticismo, infatti Il Pirata viene considerato come la prima opera Romantica italiana. Il successo, propiziato dagli interpreti Henriette Méric-Lalande, Giovanni Battista Rubini e Antonio Tamburini, fu immediato, tanto che Il pirata divenne anche il titolo di una gazzetta musicale. Eppure le riprese si limitano al 1830 (con i medesimi interpreti) e al 1840: la stessa funzione di apripista dell’opera di Bellini la condannava a soccombere ai capolavori successivi, fino alla ripresa del 1958.

Nei panni di Imogene si alternano Sonya YonchevaRoberta Mantegna, mentre Gualtiero viene interpretato da Piero Pretti; Nicola Alaimo è Ernesto, Francesco Pittari Itulbo, Riccardo Fassi interpreta Goffredo e Marina de Liso è Adele. Dirige Riccardo Frizza con la regia di Emilio Sagi, per la prima volta al Piermarini. Le scene sono di Daniel Bianco, i costumi di Pepa Ojanguren e le luci di Albert Faura. L’opera è una nuova produzione Teatro alla Scala, in coproduzione con il Teatro Real di Madrid e la San Francisco Opera. Dopo la prima rappresentazione del 29 giugno, le repliche saranno 3, 6, 9, 12, 14, 17 e 19 luglio 2018.

Foto in alto: 2018-06-27, La Scala, Il Pirata (photo Brescia, Amisano).

redazione

redazione