13 gennaio 2018
redazione (209 articles)
Share

Per Fondazione Arena IV tournee in Oman con La Sonnambula di Bellini

La prima volta fu nel 2011 per inaugurare la Royal Opera House Muscat con Turandot di Puccini nella messa in scena di Franco Zeffirelli –

La Fondazione Arena di Verona è in partenza per il Sultanato dell’Oman per rappresentare La Sonnambula di Vincenzo Bellini nell’ambito della Stagione artistica 2017-2018 della Royal Opera House Muscat (ROHM) attualmente guidata dal direttore generale Umberto Fanni.

I 175 elementi di Fondazione Arena tra orchestra, coro, tecnici e mimi giovedì 18 e sabato 20 gennaio faranno rivivere in Oman l’allestimento de la Sonnambula di Vincenzo Bellini, ideato nel 2007 da Hugo de Ana (regia, scene e costumi), ripreso da Filippo Tonon, con le coreografie di Leda Lojodice, il lighting design di Paolo Mazzon e la direzione musicale di Antonello Allemandi.

Si tratta della IV tounee di Fondazione Arena alla Royal Opera House Muscat in Oman: la prima fu nell’ottobre 2011 per inaugurare il Teatro con Turandot di Puccini nella messa in scena di Franco Zeffirelli e la Direzione Musicale di Plácido Domingo, riproposta anche nel 2015;  poi nel 2014 con I Capuleti e i Montecchi di Bellini per la regia di Arnaud Bernard.

Royal Opera House Muscat

Il melodramma in due atti, composto da Bellini nel 1831 su libretto di Felice Romani (tratto da La Somnambule ou L’arrivée d’un nouveau seigneur, un ballet-pantomime di Eugène Scribe e Pierre Aumer del 1827) viene proposto da de Ana in una messa in scena lontana dalla spettacolarizzazione fine a se stessa, bensì collocata in un’ambientazione naturalistica dal gusto squisitamente pittorico, atta ad esaltare il tratto bucolico come voleva il genere dell’opera semiseria. I caratteri onirici de la Sonnambula sono trasmessi con precisa sensibilità ed eleganza, ma nel contempo anche «con uno spirito più nostrano… una sostanza a tratti “carnale”» come ha rivelato il regista, che dichiara: «Io ci sento gioia, colore a tinte forti».

Il cast è composto da Antonello Allemandi, direttore dalla carriera internazionale che lo ha portato ad esibirsi nelle più importanti sale d’opera e da concerto del mondo, impegnato con l’Orchestra areniana al Teatro Filarmonico per il secondo concerto della Stagione Sinfonica 2018.

Sulla scena il soprano Rosa Feola, che in Oman debutta nel ruolo della protagonista Amina e che per la prima volta vediamo esibirsi con i complessi artistici di Fondazione Arena; come Elvino troviamo Antonino Siragusa, brillante tenore che numerose volte ha interpretato il ruolo con grande successo; il basso Nicola Ulivieri, presenza stabile nel panorama lirico internazionale, impersona il Conte Rodolfo. Completano il cast Barbara Bargnesi chiamata ad interpretare Lisa; Daniela Innamorati che, alla sua prima collaborazione con Fondazione Arena, dà voce al personaggio di Teresa e Seung Pil Choi, che interpreta Alessio.

Leggi anche: Herbert, dall’Arena di Verona al Royal Opera House Muscat

Foto in alto, 2016-04-17, Filarmonico, La sonnambula (Photo Ennevi, Fondazione Arena)

redazione

redazione