6 September 2017
redazione (192 articles)
Share

Big Luciano di nuovo in Arena con gli amici di sempre

Placido Domingo e José Carreras tra gli ospiti della serata-evento del 6 settembre a Verona, in ricordo dei Tre tenori. Una parte dell’incasso del Pavarotti 10th Anniversary sarà devoluto a Unhcr per aiutare i rifugiati –

Mercoledì 6 settembre l’Arena di Verona rende omaggio a Luciano Pavarotti (1935 – 2007) nel decennale della scomparsa con una serata-evento trasmessa da Rai 1 che vedrà protagonisti, oltre a Placido Domingo e José Carreras, in ricordo dei Tre tenori, gli artisti e gli amici che hanno accompagnato Big Luciano nella sua lunga carriera. Tra gli altri, i tenori Francesco Meli e Vittorio Grigolo, ultimo allievo di Pavarotti, e Fabio Armiliato, compagno del soprano Daniela Dessì recentemente scomparsa. Hanno confermato la loro presenza a Verona anche il soprano Angela Gheorghiu e i musicisti Eugene Kohn e Andrea Griminelli.

Dal 1992 al 2003 Pavarotti ha prodotto un evento speciale a Modena, sua città natale: il concerto Pavarotti & Friends. Riunendo insieme artisti appartenenti a generi musicali diversi, il tenore ha mescolato la sua voce a quella dei più importanti nomi del rock, pop e jazz. Per questo tra gli ospiti del Pavarotti 10th Anniversary condotto da Carlo Conti, con la regia di Maurizio Pagnussat, saranno presenti anche Il Volo, Zucchero, Nek, Eros Ramazzotti, Giorgia, 2Cellos, Fiorella Mannoia, Massimo Ranieri e Andrea BocelliFabio Fazio, Milly Carlucci.

Sempre all’Arena di Verona il regista e premio Oscar Ron Howard parlerà del documentario sulla vita del celebre tenore a cui sta lavorando e sarà presentato il libro Luciano, il sole nella voce edito da Fondazione Luciano Pavarotti. Una parte dell’incasso andrà in beneficenza e sarà devoluto a Unhcr per aiutare i rifugiati.

2013, Verona, Mostra “Amo Pavarotti” (Photo Ennevi)

Domenica 5 settembre la celebrazione dell’anniversario è stata anticipata a Modena dove in duomo gli Artisti del Coro di Parma accompagnati dall’Orchestra dell’Opera Italiana diretta dal maestro Stefano Ranzani hanno eseguito la Messa da Requiem di Giuseppe Verdi.  Eventi di celebrazione si svolgeranno anche in Tunisia, Qatar, Oman e Indonesia, Cina e Stati Uniti.

Il numero di artisti con cui ha lavorato Luciano Pavarotti e i palcoscenici su cui si è esibito sono innumerevoli. I suoi tour lo hanno portato in tutti i Paesi del mondo. Ha lavorato con alcuni dei direttori più importanti, da Tullio Serafin, che lo ha condotto in alcune delle sue prime esecuzioni di Rigoletto a Palermo, a Herbert von Karajan, Claudio Abbado, Carlo Maria Giulini, Sir George Solti, Carlos Kleiber, Leonard Bernstein, Lorin Maazel, Seiji Ozawa, Eugene Ormandy, Zubin Mehta, Riccardo Muti, James Levine, Gianandrea Gavazzeni, Daniel Barenboim, George Pretre, Oliviero de Fabritiis, Bruno Bartoletti, Emerson Buckley, Peter Maag, John Pritchard, Riccardo Chailly, Daniel Oren, Giuseppe Patanè, Francesco Molinari Pradelli, Richard Bonynge e molti altri.

Pavarotti ha cantato nei templi  internazionale della lirica, come il Metropolitan Opera di New York, la Staatsoper di Vienna, il Teatro alla Scala di Milano, la Royal Opera House a Covent Garden di Londra, il Teatro Colón di Buenos Aires, l’Opera a Parigi, i teatri di San Francisco, Chicago, Berlino, Roma, Firenze, Napoli e molti altri in tutto il mondo.

Colleghi dell’artista scomparso sono stati le stelle più gloriose dell’opera del secondo Novecento, tra questi: Dame Joan Sutherland, Mirella Freni, Leontyne Price, Montserrat Caballè, Kiri Te Kanawa, Magda Olivero, Leonie Rysanek, Shirley Verrett, Fiorenza Cossotto, Sherrill Milnes, Robert Merril, Piero Cappuccili, Placido Domingo, Josè Carreras e Leo Nucci .

redazione

redazione