26 agosto 2017
redazione (199 articles)
Share

Quinta edizione di Vicenza in Lirica al Teatro Olimpico

“Vicenza in Lirica – dialoghi barocchi” si svolge sotto la direzione artistica di Andrea Castello e nel più antico teatro coperto in muratura al mondo.

Da sabato 26 agosto, per due settimane, Vicenza ospiterà il Festival internazionale “Vicenza in Lirica – dialoghi barocchi”, sotto la direzione artistica di Andrea Castello e organizzato con il sostegno e patrocinio del Comune di Vicenza e delle Gallerie d’Italia – Palazzo Leoni Montanari, oltre al supporto di numerosi sponsor privati.

La città veneta verrà sommersa da un’ondata di musica, danza, canto e arte, inaugurando la quinta edizione del festival nel teatro Olimpico, la più antica struttura teatrale coperta in muratura al mondo, con un concerto del celebre baritono Leo Nucci, che canterà alcune famose arie del grande repertorio lirico verdiano e al quale verrà consegnato il premio alla carriera “Vicenza in Lirica – Concetto Armonico” 2017.

Il Festival proseguirà poi ospitando il celebre soprano Barbara Frittoli, impegnata in una master class di canto lirico alle Gallerie d’Italia – Palazzo Leoni Montanari, il soprano Gemma Bertagnolli, una delle interpreti italiane di riferimento per quanto riguarda il repertorio barocco, presente per un corso speciale finalizzato al debutto in scena dei giovani cantanti ne L’Orfeo di Claudio Monteverdi e il noto sopranista Angelo Manzotti che, oltre ad essere docente in una specifica master class per sopranisti e contraltisti, terrà un concerto presso l’Oratorio di San Nicola.

L’Orfeo, presentato il 6 e 7 settembre all’Olimpico in occasione dei 450 anni dalla nascita del grande compositore, avrà un allestimento innovativo basato sulle tecniche del video mapping, con una scenografia forte e di grande impatto storico artistico ispirata alla distruzione di Vicenza nella seconda Guerra Mondiale e alla successiva rinascita.

Si proporranno inoltre venerdì 8 settembre nella suggestiva cornice del cortile delle Gallerie d’Italia – Palazzo Leoni Montanari, due intermezzi: La Finta Tedesca di Johann Adolf Hasse e La Dirindina di Domenico Scarlatti interpretate dai giovani solisti scelti durante il concorso di canto lirico “Sarzana Opera Festival” e con la presenza degli archi dell’Orchestra Sinfonica dei Colli Morenici diretti dal Maestro Gianluigi Dettori.

Interessante la parte dedicata al balletto titolata: Russia tra favola e realtà che si terrà al Teatro Olimpico sabato 2 settembre con la partecipazione di due preziosi ospiti: i primi ballerini del Teatro Bolshoi di Mosca, che saranno impegnati, insieme ad altri artisti, in una performance dedicata al grande repertorio russo.

A chiudere il Festival, sabato 9 settembre, tornerà il barocco con il Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano, alla sua terza presenza a Vicenza in Lirica, che suonerà al pubblico la nuova edizione critica de L’Estro armonico di Antonio Vivaldi.

Molti altri ancora saranno gli appuntamenti volti ad arricchire la programmazione del Festival che si snoderanno attraverso momenti conviviali di musica-aperitivo immersi tra i più suggestivi scorci della città, in raffinati dialoghi tra musica, prosa e arti figurative e naturalmente in numerosi concerti. Al seguente link la programmazione completa: http://www.vicenzainlirica.it/

redazione

redazione